M

Questo sito fa uso di cookie tecnici per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Per maggiori informazioni si veda la Cookie Policy.

Il risarcimento ex art. 6 del D. Lgs. 231/02 è conseguenza automatica del tardivo pagamento.

“Il risarcimento ex art. 6 D. Lgs. 231/02 nella misura fissa di € 40,00 per ogni fattura pagata in ritardo e/o non ancora pagata si configura come conseguenza automatica dell’inadempimento/ritardo e dell’attività di recupero posta in essere dal creditore. Il ritardo nel pagamento arreca di per sé un aggravio economico al creditore per cui non deve essere fornita alcuna prova se non la circostanza del ritardo”.

Questo è il recente principio espresso dal Tribunale di Bologna, con la sentenza n. 1566 del 2023.

La vicenda trae origine dall’instaurazione del giudizio promosso nei confronti di un Ente pubblico da parte di una Società di factoring, assistita dal nostro studio legale, che agiva in giudizio chiedendo che l’Ente debitore fosse condannato, visto l’omesso pagamento di alcune fatture, al pagamento delle stesse, degli interessi moratori e al risarcimento del danno ai sensi dell’art. 6 del D. Lgs. n. 231/2002.

Il Tribunale di Bologna, chiamato a decidere sulla questione, ha sancito che, essendo provato “per tabulas” il ritardo nell’adempimento da parte dell’Ente, parte attrice aveva il diritto a ricevere sia il pagamento degli interessi di mora ex D. Lgs. 231/2002, che il risarcimento ex art. 6 del D. Lgs. 231/02 nella misura fissa di € 40,00 per ogni fattura pagata in ritardo.

Infatti, il risarcimento del danno ex art. 6 del D. Lgs. n. 231/2002 “si configura come conseguenza automatica dell’inadempimento/ritardo e dell’attività di recupero posta in essere dal creditore” e “il ritardo nel pagamento arreca di per sé un aggravio economico al creditore per cui non deve essere fornita alcuna prova se non la circostanza del ritardo”.

In conclusione, secondo il Tribunale, l’importo forfettario minimo di EUR 40,00 a titolo di risarcimento del danno è dovuto, in caso di ritardo nel pagamento, per ogni operazione commerciale non pagata alla scadenza.

Data di pubblicazione
22.09.2023
Argomento trattato
Leasing & Factoring

Iscrizione Newsletter

Share