M

Questo sito fa uso di cookie tecnici per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Per maggiori informazioni si veda la Cookie Policy.

Informazione scientifica: la disciplina regionale non riguarda più solo i farmaci, ma anche i prodotti parafarmaceutici

Recentemente alcune Regioni (Basilicata, Calabria, Marche e Veneto) hanno emanato dei provvedimenti che hanno determinato l’introduzione di rilevanti novità in tema di informazione scientifica del farmaco, in alcuni casi estese anche all’attività di informazione su altri prodotti, come dispositivi medici, alimenti a fini medici speciali e integratori alimentari, che fino ad oggi non avevano una specifica disciplina a livello normativo.
Una delle principali novità è l’istituzione, in alcune Regioni, di appositi registri presso i quali devono essere iscritti gli informatori del farmaco e del parafarmaco operanti sul territorio regionale.
Inoltre, alcune Regioni hanno previsto l’obbligo, anche per i soggetti che si occupino di informazione scientifica di prodotti diversi dal farmaco, di essere in possesso dei requisiti, con particolare riferimento ai titoli di studio, individuati dall’art. 122 del D. Lgs. n. 219/2006 per lo svolgimento dell’attività di informazione scientifica del farmaco.
Vi sono altresì Regioni che hanno stabilito che, al fine di poter accedere alle strutture sanitarie, gli informatori, anche qualora l’informazione non riguardi farmaci, debbano essere in possesso di apposito tesserino identificativo.
Infine, sono stati introdotti specifici obblighi informativi in capo alle singole aziende al fine di consentire alle Regioni una verifica in merito al rispetto delle regole introdotte.
E’ possibile che in futuro altre Regioni adottino, a loro volta, provvedimenti volti a regolamentare, oltre che l’attività di informazione scientifica del farmaco, anche l’attività di informazione relativa a prodotti non rientranti nella definizione di “farmaco”.
È consigliabile, dunque, che le aziende che operano in tali settori rimangano aggiornate e si adeguino alla disciplina regionale, anche qualora la stessa detti regole più rigorose rispetto a quelle previste dalla legge nazionale.

In allegato uno schema riepilogativo delle principali novità introdotte, Regione per Regione.

Data di pubblicazione
21.05.2024

Iscrizione Newsletter

Share