M

Questo sito fa uso di cookie tecnici per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Per maggiori informazioni si veda la Cookie Policy.

Protocollo d’Intesa tra l’INL e l’Ufficio della Consigliera Nazionale di Parità: un ulteriore sforzo per contrastare le discriminazioni di genere

In data 8 giugno 2023 è stato sottoscritto un protocollo di intesa, con validità quinquennale, tra l’Ispettorato Nazionale del Lavoro e l’Ufficio della Consigliera Nazionale di Parità, volto a rafforzare il coordinamento delle rispettive attività in tema di pari opportunità.

Con la sottoscrizione del Protocollo, le parti di cui sopra si sono impegnate a porre in essere ogni azione utile per promuovere i principi di uguaglianza, pari opportunità e non discriminazione tra donne e uomini nel mondo del lavoro, rinnovare la consolidata collaborazione volta a favorire la piena applicazione della normativa in materia di pari opportunità tra uomo e donna e ad attivare efficaci azioni di contrasto alle discriminazioni di genere, anche con particolare riferimento al ruolo genitoriale di lavoratori e lavoratrici.

Il documento è composto da n. 7 articoli.

L’art. 1 (azione di collaborazione) è volto a garantire l’attuazione delle forme di collaborazione tra le due istituzioni.

In particolare, la Consigliera Nazionale di Parità si impegna a sensibilizzare le Consigliere/i Consiglieri di Parità affinché segnalino ai competenti Ispettorati Interregionali e Territoriali del Lavoro le violazioni delle norme antidiscriminatorie, nonché di quelle volte a disciplinare il rapporto di lavoro riscontrate nelle loro ispezioni.

Medesimo impegno viene assunto anche dall’Ispettorato Nazionale del Lavoro che si impegna a sensibilizzare gli Ispettorati Interregionali e gli Ispettorati Territoriali a garantire la costante collaborazione con i Consiglieri di Parità.

Con l’art. 2 (condivisione di dati statistici), l’Ispettorato Nazionale del Lavoro si impegna a fornire all’Ufficio della Consigliera Nazionale di Parità i dati annuali relativi all’attività ispettiva in materia di discriminazioni di genere nei luoghi di lavoro.

L’art. 3 (pianificazione degli accessi ispettivi) afferma come l’Ispettorato Nazionale del Lavoro si impegni ad esaminare tempestivamente le richieste di intervento presentate dalle Consigliere/dai Consiglieri di Parità recanti le indicazioni necessarie anche ai fini dei possibili accertamenti di competenza del personale ispettivo.

Nell’ambito dell’art. 4 (iniziative di aggiornamento professionale e di promozione) le Parti si impegnano a promuovere momenti di approfondimento e studio che coinvolgano il proprio personale allo scopo di rafforzare competenze, conoscenze e metodologie di intervento e di valutazione nell’ambito delle azioni antidiscriminatorie e di tutela e promozione della parità e pari opportunità nei luoghi di lavoro.

Con l’art. 5 (scambio di buone prassi) le Parti si impegnano a rilevare e diffondere le buone prassi e le misure di intervento adottate sul territorio nazionale per la verifica e l’attuazione effettiva del principio delle pari opportunità, nonché a monitorare e condividere i risultati concretamente conseguiti.

Ai sensi dell’art. 6 (incontri istituzionali) le Parti al fine di migliorare la sinergia istituzionale tra di loro, concordano la promozione, a livello centrale o territoriale, di incontri finalizzati alla disamina di casi specifici allo scopo di rimuovere eventuali comportamenti discriminatori segnalati o situazioni di squilibrio di particolare rilevanza.

Infine, l’art. 7 (attuazione e validità dell’intesa) dichiara che le Parti si impegnano a diffondere i contenuti del presente Protocollo a livello territoriale.

La sottoscrizione del Protocollo, dunque, costituisce un ulteriore sforzo delle dette istituzioni al fine di contrastare le discriminazioni di genere.

Data di pubblicazione
15.06.2023

Iscrizione Newsletter

Share