M

Questo sito fa uso di cookie tecnici per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Per maggiori informazioni si veda la Cookie Policy.

Tribunale di Milano – Sez. Specializzata proprietà industriale e intellettuale, Dott.ssa P. Gandolfi, Dott. C. Marangoni, dott. A. Zana, sent. n. 1744 del 2012 – IMITAZIONE SERVILE

Come è noto, “in tema di concorrenza sleale per imitazione servile, la tutela offerta dall’art. 2598, n. 1 cod. civ., concerne le forme aventi efficacia individualizzante e diversificatrice del prodotto ripetto ad altri simili, non essendo, tuttavia, compresi nella tutela medesima gli elementi formali dei prodotti imitati che, nella percezione del pubblico, non assolvano ad una specifica funzione distintiva del prodotto stesso, intesa nel duplice effetto di differenziarlo rispetto ai pridotti simili e di identificarlo come riconducibile ad una determinata impresa. Ed invero, l’originalità del prodotto e la sua capacità distintiva integrano entrambi i fatti costitutivi della dedotta contraffazione per imitazione servile, essendo i medesimi requisiti necessari non in via alternativa, ma in via cumulativa. Il relativo onere probatorio incombe, quindi, su chi agisce in contraffazione, mentre incombe sul convenuto in contraffazione l’onere di provare la mancanza di novità del prodotto dell’attore o la perdita sopravvenuta della sua capacità distintiva, quali fatti estintivi dell’altrui diritto” (Cass. 29522/08).
Spetta quindi a chi agisce provare la novità e la notorietà della forma, indicando quali elementi in specifico le conferirebbero la capacità distintiva, anche e soprattutto sotto il profilo di indicatore di provenienza da una determinata impresa, in modo che il gioudice, sulla scorta anche di nozioni di comune esperienza, possa procedere alla valutazione del requisito.
In assenza di elementi istruttori che comprovino la presenza di (…) sul mercato italiano, avendo la stessa attrice allegato di operare per conto di terzi, fornendo prodotti con il marchio del cliente, va escluso che tale idoneità caratterizzante, intesa come attitudine ad indicare la fonte produttiva, possa in alcun modo essere invocata dall’attrice.

File correlati:
sent. n. 1744 del 2012

Data di pubblicazione
13.02.2012
Argomento trattato

Iscrizione Newsletter

Share